Epilazione Progressivamente Permanente con Laser Diodo 808

Epilazione Progressivamente Permanente con Laser Diodo 808

La definizione di permanenza progressiva è data dal fatto che, con un numero di sedute variabile – ovvero non standard – è possibile ottenere dei risultati durevoli e duraturi nel tempo, risultati che possono essere mantenuti con un trattamento, ovvero una o due sedute di mantenimento, nell’arco di un anno.

L’epilazione si dice anche progressiva perché in effetti il trattamento ha un’efficacia limitata per ogni seduta, durante la quale si elimina circa il 10% o 20% dei peli in fase anagen (prima fase di crescita del pelo).

Ciò significa che, ad ogni seduta si può ottenere un’epilazione di una buona parte di patrimonio pilifero, ma il risultato permanente avverrà solo alla fine del trattamento.
Per ottenere la permanenza del risultato è importante seguire i consigli dell’operatore, ed attenersi alle cure domiciliari consigliate. Inoltre, ricordiamo che il numero di sedute è abbastanza variabile in quanto il trattamento va personalizzato a seconda dei fattori del tutto individuali come densità pilifera, età e sesso, grandezza del pelo, caratteristiche ormonali, zona da trattare e grandezza del pelo, nonché resistenza alla luce che viene emessa dal macchinario.
Tutti questi fattori vengono studiati ed analizzati da parte dell’operatore durante il primo incontro, in cui si analizza la figura e determina il numero di sedute necessario per ottenere i risultati ottimali.
Una volta terminate le 6 o 8 sedute di trattamento Laser sulle zone da epilare – il trattamento avrà garantito risultati ottimali sull’80% del patrimonio pilifero, lasciando intatto solo quel 20% di peluria sottile e invisibile.

In sostanza, si parla sempre più spesso di epilazione definitiva, ignorando in effetti il significato effettivo del termine “definitivo”: infatti, pur avendo una durata nel tempo abbastanza lunga, non è affatto detto che questo tipo di epilazione sia definitiva, perché essa è in realtà una tipologia di epilazione che, perché rimanga durevole nel tempo, richiede un mantenimento del risultato.

IL Pelo

La pelle è formata da tre strati principali: l’epidermide, il derma e l’ipoderma.

Il follicolo pilifero è una struttura ancorata nel derma dalla quale nascono i peli. Il bulbo è composto dalla radice e dal fusto del pelo. La base della radice è caratterizzata dalla tipica forma a “lampadina”. Le cellule del pelo all’interno del bulbo si dividono. Le nuove cellule spingono quelle già esistenti verso l’alto: il fusto del pelo è formato dalle cellule morte spostate in alto. Solo i peli completamente formati sono presenti sulla superficie della pelle.

I vasi sanguigni nella papilla cutanea nutrono I follicoli piliferi, e sono circondati da terminazioni nervosa. Questo microcircolo è molto d’aiuto anche durante l’epilazione. Il bulbo pilifero in sé non contiene vasi sanguigni né pigmento, per questo è un target perfetto per il Laser a Diodo 808nm.

Come funziona il laser?

L’apparecchiatura genera un raggio laser di una particolare lunghezza d’onda in grado di attraversare la cute ed essere assorbita dai pigmenti dei peli all’interno dei bulbi piliferi, con conseguente aumento della temperatura e distruzione definitiva delle cellule germinative del bulbo stesso, ottenendo quindi l’effetto di una epilazione permanente.

Il laser ad Alexandrite 755nm e a diodo 808nm sono i dispositivi “gold standard” per l’epilazione permanente.
Il Laser Diodo 808 è un laser in grado di generare un fascio di luce di una determinata lunghezza d’onda pari a 808nm e per questo capace di attraversare la pelle ed essere assorbita dai pigmenti dei peli all’interno dei bulbi piliferi, con conseguente aumento della temperatura e distruzione definitiva delle cellule che ne consentono la rigenerazione.

I vasi sanguigni presenti attorno al bulbo pilifero (che ricordiamo non contiene vasi al suo interno) contengono cromofori detti emoglobina che rimuovono il calore dai dintorni, proteggendo da danneggiamenti l’area target del bulbo pilifero 

Nel caso di peli scuri, che hanno cioè un’alta concentrazione di melanina cromofora presente nel fusto, è più facile raggiungere risultati soddisfacenti, grazie alla melanina che attira il calore; in ogni caso, dal punto di vista fisico, non è il target principale attraverso cui lavora il laser a diodi 808nm. Il principio di funzionamento è di liberare un’energia sufficientemente alta verso il bulbo, causando il suo danneggiamento. Ciò consente di lavorare anche sui peli più chiari.

L’epilazione laser diodo è quindi un trattamento di epilazione permanente tramite il principio della fototermolisi selettiva, il cui obiettivo è distruggere esclusivamente il target senza danneggiare i tessuti circostanti.

Servono dalle 6 alle 12 sedute in base a diversi fattori: tipologia e caratteristica dei peli (è più veloce nelle persone che hanno i peli scuri rispetto a chi li ha chiari o biondi), spessore, quantità, colore della pelle.

Epilazione torace maschile con Laser Diodo 808nm prima e dopo

I primi risultati si cominciano a vedere già dopo la prima seduta quando, a distanza di 20 giorni dal trattamento, iniziano a cadere i primi peli superflui, in una percentuale che va dal 10% al 20% da effettuarsi una volta al mese perché l’epilazione laser a diodo diventi permanente.

Il medico prima di procedere al trattamento dovrà effettuare una breve anamnesi e stabilire, in base al fototipo, la tipologia e densità del pelo, le impostazioni dell’apparecchiatura per effettuare il trattamento in assoluta sicurezza e per produrre il miglior risultato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://mediaservice.biz/wp-content/uploads/2016/07/pexels-photo-24464-1.jpg);background-size: cover;background-position: center center;background-attachment: scroll;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 550px;}
WhatsApp chat